Scopri Cosa Fare e non Fare per un Design Web Dinamico

web design

Prima di creare un sito web, (oppure prima di assumere un web designer) ci sono alcune questioni da prendere in considerazione. Alcune cose a cui normalmente non pensereste. Le persone che vogliono creare un sito o un blog per la loro attività sono alla ricerca di una cosa molto importante – vendere. Vi possono chiedere di usare i grandi logo di Flash oppure un design improbabile, ma il lavoro di un abile web designer è anche quello del portare il cliente nella giusta direzione.

Ecco alcune cose da fare e non fare per lo sviluppo di siti web dal design dinamico e d’impatto. Studiate, leggete, rileggete e stampate questa pagina. Vi aiuterà a costruire o a demolire il vostro sito. Non esitate a farci sapere se abbiamo dimenticato di menzionare qualche punto a vostro avviso importante.

  1. Si – Pagina strutturata

In questi ultimi mesi si è notato un grande uso della struttura a griglia e file CSS. La più famosa risulta essere  960 grid system e quella più di moda e dai colori più leggeri tra queste strutture a griglia è 1kb CSS grid.

Seguendo il modello di una rivista/giornale, questi sistemi a griglia aiutano ad organizzare le informazioni in un formato strutturato e facile da distinguere.

  1. No – Inserire informazione a caso

Credo che tutti abbiamo visto almeno un sito web con 20 caselle esposte a caso nella prima pagina, tutte di differenti dimensioni e forme e nessuna capace di differenziarsi dalle altre. Se siete un web designer e non sapete organizzare propriamente il contenuto e l’informazione di un sito allora, dovreste cominciare a fare ricerche sulle ultime novità nel settore.

3.  Si – Concertarsi su quello che è davvero importante

Dovete creare un sito web per un’impresa che vende solo un prodotto specifico? Se sì, fate in modo che questo prodotto sia al centro della home page. Anche nelle altre pagine inserite opzioni Call-to-action per quel specifico prodotto. Se invece state creando un blog il quale offre prodotti o servizi gratuitamente per tutti gli iscritti o scrivete dei tutorial, assicuratevi che questi siano il centro d’attenzione di tutto il contenuto.

  1. No – Inserire molta pubblicità

Se volete monetizzare il vostro sito/blog evitate di inserire annunci pubblicitari in ogni pagina. Se in una pagina, ad esempio, il 70% è pubblicità e solo il 30% è contenuto valido, allora è molto probabile che i visitatori non ritornino più. Non è una buona idea fare della pubblicità una priorità. Invece cercate di inserire qualche annuncio senza occupare molto spazio e senza stravolgere il contento e il layout della pagina.

  1. Si – Scegliere una gamma di colori adatta

Conoscere le emozioni dei lettori e visitatori del vostro sito/blog vi può aiutare a scegliere una gamma di colori adatta. Ad esempio, se il vostro sito/blog è concentrato sulla meditazione non è appropriato scegliere una gamma di colori molto fluorescenti. Se visitate i siti delle bande musicali di punk o rock, noterete che usano più o meno la stessa  gamma di colori chiamata CMYK (pink, giallo, nero e blu) al contrario il sito/blog di un medico avrà dei colori più leggeri.

  1. No – Uso esagerato di colori

Usare ogni colore possibile nel vostro sito/blog non solo lo fa sembrare pesante e confuso, ma sarà anche fastidioso e caotico per i visitatori. I coloro si devono fondere bene tra di loro. Se non siete bravi con i colori allora potete visitare siti come Colour Lovers il quale vi può aiutare a scegliere una gamma di colori appropriata. Scegliete i colori preferiti consigliati da questo sito (al massimo 5) e vedrete come migliorerà il vostro sito/blog.

  1. Si – Creare una pagina facile da navigare

Le persone non possono spendere 5 minuti per capire ciò di cui tratta il vostro sito/blog e quello che ha da offrire. Il modo giusto per assicurarsi che tutti i visitatori possano ricevere l’impressione corretta del vostro sito è avere una pagina facile da navigare.

Usate dei tag pertinenti per concentrarvi sui temi più rilevanti. Potete anche usare citazioni, frasi o immagini che attirano l’attenzione.

  1. No – Scrivere un paragrafo con più di 1.000 parole in una sola pagina

Uno dei motivi per cui molte persone non si iscrivono a diversi blog sono gli articoli lunghi con più di 1.000 parole non divisi in paragrafi. E la gran parte di questi articoli non usano nemmeno dei font speciali per indicare e distinguere le informazioni importati. È fortemente consigliato dividere il contenuto in paragrafi cosi sarà più facile da leggere e meno impegnativo.

  1. Si – Facilitare tutto

Ormai è stato provato che siti con un modulo d’iscrizione con 3 voci (nome, e-mail e un’altra voce qualsiasi) hanno meno iscrizioni che i siti con moduli d’iscrizione più facili. Alla maggior parte degli utenti non piace fare queste operazioni per molto tempo e lo evitano allontanandosi da quel sito, quindi non complicate tante le cose.

  1. No – Ripetere all’infinito la stessa cosa

Scrivere a caso, usare troppe emoticon e faccine sorridenti o andare avanti indietro senza avere un obiettivo farà sì che i visitatori perdano la concentrazione e l’attenzione.

Se volete che le persone visitino il vostro sito/blog allora dimostratelo.  Se avete un blog personale dove potete scrivere della vostra vita, è un’altra cosa, ma pubblicare a caso dei post su quello che avete mangiato o cosa avete fatto ieri sul sito della vostra impresa, sicuramente farà che i visitatori del vostro sito non ritornino più.

  1. Si – Concentrarsi sul copywriting

Le parole sono importanti. Assicuratevi che siano brevi, concise e pertinenti al tema trattato. Se non potete scrivere un articolo che attiri l’attenzione dei lettori, allora dovete assumere un copywriter professionale. Il ruolo del Copywriter è tanto importante quanto quello del designer. Scegliere le giuste parole per il pulsante di iscrizione, per i titoli o per l’opzione call to action fa la differenza nel raggiungere 50% oppure 90% d’iscrizioni.

  1. No – Riempire le pagine di parole chiave

Google non è stupido. E nemmeno i lettori. Se in una pagina del vostro sito le parole chiave vengono inserite 30-40 volte solo in un paragrafo, non è solo un’informazione inutile da leggere ma farà anche in modo che il sito venga penalizzato da Google. Il testo scritto deve essere scorribile e le parole chiave devono essere menzionate solo dove sono pertinenti.

  1. Si – Collocare strategicamente la barra di navigazione

Se sul sito avete una pagina di iscrizione, allora questa pagina deve essere di colore diverso da quella della barra di navigazione. Indipendentemente dai coloro dovete assicurarvi che la barra di navigazione sia veloce e facile da individuare e usare.

  1. No – Informazione difficile da trovare sul sito

I lettori non devono spendere 30-40 secondi per trovare la pagina dei contatti o la pagina About e nemmeno devono cliccare su 3 pagine per finalmente trovare il modulo d’iscrizione. Le cose più importanti devono essere esposte in bella vista. Per altre cose che non sono il focus centrale del vostro sito, potete aggiungere una barra di ricerca. Molte persone non apprezzano l’assenza di questa opzione.

  1. Si – Ottimizzare i tempi di carica delle pagine

Uno dei fili conduttori di questo articolo è il fatto che gli utenti non hanno molta pazienza. Dovete creare un sito il quale sia ottimizzato e carichi le pagine entro 1 – 2 secondi. Questo lo potete fare assicurandovi che i file CSS siano compatti e accertandovi che la vostra pagina sia disegnata avendo presente tempi ottimali di carica dei contenuti.

  1. No – Inserire molte immagini in una pagina

Il testo nella pagina si inserisce per essere esattamente quello che è – un testo, e quindi non è necessario che ogni paragrafo abbia un’immagine. Inoltre se il background del sito è più di 1MB la pagina viene caricata molto lentamente. Esistono però anche siti che usano differenti librarie Javascript e più di 10 plug-in e impiegano 20 secondi per caricare pienamente il contenuto.

  1. Si – Scegliere il font giusto

La tipografia è un aspetto molto importante del web design. Selezionate la giusta grandezza per i titoli e assicuratevi di usare un font che sia gradito anche dai lettori. In generale, dovete usare un font per il contenuto e potete scegliere fra vari tipi di altri font per i titoli o le altre pagine.

  1. No – Usare 5 font e 10 grandezze differenti

Immaginate per un attimo: un titolo scritto in Times New Roman, contenuto in Arial, link della barra di navigazione in Comic Sans e sidebar in Impact. Vi piacerebbe una pagina cosi? Tenete presente questo esempio prima dello sviluppo di un sito web con 5 differenti font.

  1. Si – Pagina visualmente attrattiva

Molte persone possono dire che non si giudica un libro dalla copertina, ma questo non è vero. La prima cosa che le persone vedono è il design del sito. E questa prima impressione deve essere un’ottima. Usate un format che dia luce, profondità e armonia al vostro sito per attirare di più l’attenzione dei visitatori.

  1. No – Combinare cose a caso pensando di aver fatto bene

I gif animati sono la prima cosa da non fare. Dopo sono i messaggi scorrevoli sul display e il testo raccolto a caso con grafiche che sembrano far parte della pagina di Myspace di un tredicenne.

Questo non va bene e poi non siamo nel 1980. Le cose sono cambiate e le persone non vogliono vedere qualcosa che sembri creato da un bambino di sette anni. Se siete un professionista, comportatevi come tale e assicuratevi che il design del sito sia altrettanto professionale.

Share